topBanner

Che cosa ci aspetta nel 2015.

Ed eccoci, per il terzo anno consecutivo, a scrivere questo articolo dedicato a quanto l’anno nuovo ci prospetta, e potrebbe riservarci, relativamente ai quattro sport che seguiamo da vicino: scacchi, rugby, pugilato e scacchipugilato. Alcuni di quelli elencati qui sotto saranno eventi già annunciati, è facile farlo con il rugby e in parte gli scacchi, altri sono speculazioni su eventi potenziali, per esempio si spera e sogna nel pugilato e nello scacchipugilato di match ed eventi particolarmente significativi ma che non sono stati ancora organizzati o stono stati annunciati.

2015

Creazione di Chiara Gobbini (SPQeR).

Guardando all’anno scacchistico il primo importante appuntamento incomincia nei prossimi giorni con il torneo olandese che è andato cambiando nome coi decenni e il passare di proprietà del gruppo dell’acciaio che lo sponsorizza. Si gioca a Wijk aan Zee e partecipano alcuni tra i migliori giocatori del mondo incluso il N. 1 e 2, Magnus Carslen e Fabiano Caruana, oltre al campione uscente Levon Aronian. Tra i due tornei principali, con un totale di 28 atleti, vi saranno diversi nomi che si affacciano nell’olimpo scacchistico e avranno la loro opportunità di mettersi in mostra.

A fine gennaio e inizio febbraio il forte Open di Gibilterra darà la possibilità a diversi scacchisti da open di misurarsi con alcuni giocatori molto forti come: Topalov, Nakamura, Svidler, Vitiugov, Jakovenko, Yu Yangyi, Harikrishna e Rapport.

A febbraio un doppio appuntamento: il forte Chess Challenge di Zurigo e, allo stesso tempo, la III tappa del Grand Prix FIDE che si gioca a Tiblisi. Nel primo saranno impegnati Caruana, Anand, Aronian, Kramnik, Nakamura e Karjakin, mentre nel secondo saranno in campo, tra gli altri, Grischuk, Giri, Mamedyarov, Vachier-Lagrave, Dominguez, Svidler, Jakovenko, Radjabov e Andreikin. E prima che questa terza tappa sia terminata, incominciano anche i Campionati Europei a Gerusalemme dove saranno impegnati anche alcuni dei migliori scacchisti italiani che proveranno a qualificarsi per la Coppa del Mondo.

La quarta e ultima tappa del G.P. si gioca dal 14 al 27 maggio e vi sarà anche Fabiano Caruana che punterà alla qualificazione diretta al Torneo dei Candidati 2016 anche se questa volta dovrebbe essere già qualificato a questa competizione grazie al suo punteggio elo. Ma Fabiano vuole qualificarsi in veste dei risultati del G.P. e presentarsi come l’alternativa a Magnus Carlsen. Nel frattempo il norvegese punta a rivincere i titoli mondiali a gioco rapido e lampo oltre a rimanere l’indiscusso Numero 1.

L’evento più importante del 2015 è probabilmente la Coppa del Mondo che si gioca a Baku, in Azerbaijan, dal 10 di settembre al 4 ottobre. In questa competizione partecipano 128 giocatori con tabellone a eliminazione diretta. I primi due si qualificano al Torneo dei Candidati mentre i primi quattro si qualificano per l’edizione successiva della Coppa del Mondo oltre a qualificarsi per il prossimo ciclo dei Grand Prix (sempre che il formato rimanga uguale, che con la FIDE ci si può aspettare di tutto). Questa sarà l’ultima chance per qualificarsi per il Torneo dei Candidati e quindi vedremo molti giocatori agguerriti e motivati ma alcuni dei giocatori più forti, magari già qualificati ai Candidati, potrebbero non prender parte a questa competizione.

Dal 9 al 22 novembre, la città piemontese di Acqui Terme ospiterà i Campionati Mondiali Seniores, un ritorno in Italia dopo cinque anni di questa manifestazione che, iniziata nel 1991, ha visto disputarsi già cinque edizioni in Italia (a partire dal 2001 ad Arco).

Per gli scacchi tricolore, si può guardare alla finale del Campionato Individuale Assoluto che, nell’anno dell’Esposizione Universale, torna ad essere disputato a Milano. É dal 1968 che questa competizione non si gioca a Milano quando il campionato fu vinto dal compianto Enrico Paoli.

Per il rugby è l’anno del mondiale con l’ottava Coppa del Mondo della storia, questa edizione si disputa in Inghilterra e Galles. Nella principale delle isole britanniche, 20 squadre si daranno battaglia per vincere o per raggiungere i propri obiettivi. Quello dell’Italia é di qualificarsi, per la prima volta nella sua storia, per i quarti di finale; per farlo l’Italia deve qualificarsi prima o seconda nel proprio girone composto anche da: Francia, Irlanda, Canada e Romania. Si gioca dal 18 al 31 ottobre.

Prima di questo si disputerà un altro torneo importante: il Sei Nazioni. Era il 2000 quando l’Italia fu ammessa nel principale torneo di rugby dell’emisfero nord. Da allora la nazionale italiana é arrivata ultima in 10 occasioni su 15 ma, in due occasioni, é riuscita a vincere due partite su cinque. L’obiettivo pertanto potrebbe essere quello di fare meglio di due vittorie per migliorare il proprio record e puntare ad arrivare tra le prime tre. Una prova importante nell’ottica della preparazione del mondiale e potremo vedere se il Commissario Tecnico Jacques Brunel inserirà qualche giovane emergente nella rosa nazionale.

Il 2015 sarà anche l’anno dei Mondiali Under 20 che si disputeranno in Lombardia dal 2 al 20 giugno. Questa é la seconda volta che la manifestazione viene organizzata in Italia: nel 2011 si disputò in Veneto. Dodici squadre si contenderanno il primato con le compagini che non verranno eliminate ma che continueranno a sfidarsi per aggiudicarsi ciascuna delle 12 posizioni; l’ultima classificata verrà relegata alla serie mondiale inferiore. Speriamo che la F.I.R. utilizzi questa opportunità per propagandare lo sport del rugby in Italia e in Lombardia; il fatto che siano state scelte sedi come Calvisano (sede del Presidente FIR Gavazzi) anziché Milano o Monza, per esempio, pare un’occasione mancata per fare arrivare il rugby in luoghi certamente più popolosi e dove il rugby ha bisogno di essere meglio conosciuto.

Nel pugilato professionistico vi sarà la novità di vedere i primi Campioni del Mondo dell’APB, il settore professionistico voluto dall’AIBA, sigla che si andrà ad aggiungere alle altre che popolano il mondo di questo sport. Certamente i campioni dell’APB, almeno nel 2015, avranno meno prestigio degli altri campioni mondiali (WBC, WBA, IBF, WBO e IBO) visto che pochi pugili hanno accettato l’invito dell’AIBA e, anche, dovuto al fatto che gli eventi di qualificazione si disputano in meno riprese di quanto accade nel professionismo delle altre sigle che disputano finali del mondo e le qualificazioni sulle 12 riprese.

Potrebbe essere l’anno della disputa dell’incontro tra Manny Pacquiao e Floyd Mayweather. Se ne parla da circa sette anni, se non si riesce a fare neanche quest’anno allora questo incontro perderà di valore ed importanza nei cuori dei tifosi dovuto all’età dei due e l’avanzare di altri pugili come Keith Thurman (per menzionarne uno), ma se questo incontro si farà, sarà un qualcosa che il pubblico é andato aspettando per molto tempo e vorrà certamente godersi. L’aspetto positivo è che in questa occasione le due parti stanno parlandosi; purtroppo i contratti di questi due pugili sono sempre cose laboriose da negoziare e nessuno dei due pare intenzionato a cedere molto terreno, pertanto non é garantito che vi sarà un esito positivo di queste negoziazioni.

Se questo incontro non potesse avvenire, ci potrebbe essere invece Floyd Mayweather v Amir Khan, con il britannico che è andato posizionandosi in postura e stile fuori dal ring a quello di Mayweather, ostentando costosi pantaloncini e automobili, proprio come fa il pugile americano. Nel frattempo WBC, WBA e IBF hanno organizzato incontri tra loro l’anno passato e si pensa che questa collaborazione tra le sigle possa portare anche a più incontri per la riunificazione di titoli oltre alla possibile entrata nel mondo dilettantistico per far fronte comune contro le mosse dell’AIBA.

Una unificazione probabile dovrebbe essere, nei mediomassimi, quella tra Sergey Kovalev (Campione WBA, IBF e WBO) e Adonis Stevenson (Campione WBC), ma Kovalev deve prima affrontare Pascal.

Nei pesi massimi Wladimir Klitschko ha mostrato di essere superiore a qualsiasi altro: continuerà a battersi con i migliori pugili della categoria e tenterà di accaparrarsi anche la cintura WBC, l’unica delle 5 principali che gli manca; è stata lasciata vacante da suo fratello Vitali ed ora è in possesso di Bermane Stiverne che difenderà la cintura contro Deontay Wilder il 17 gennaio a Las Vegas. Addirittura è possibile che Wladimir lasci vacante il titolo WBO dal momento che Tyson Fury si è guadagnato la qualificazione a sfidare il Campione Mondiale ma al momento non pare che nel clan dell’ucraino vi sia particolare interesse ad affrontare il britannico.

Per i pugili professionisti italiani ci si aspetta un anno che vedrà molte dispute di titoli italiani ma anche di semifinali. Il progetto Campionati Italiani ideato dalla Lega Pro Boxe dovrebbe arrivare a maturazione e il pubblico sarà in grado di assistere in televisione, o di persona, a scontri di qualità. Nel frattempo gli altri pugili italiani che hanno qualche ambizione in più del solo titolo italiano, combatteranno per vincere e difendere titoli internazionali o dell’Unione Europea mentre quelli con capacità superiori avranno la chance di combattere per i titoli di Campione Europeo (EBU). Titoli mondiali, dopo l’occasione fallita da Leonard Bundu non paiono essere all’orizzonte, ma a pugili come Luca Giacon potrebbe anche essere offerta un’occasione che bisogna essere pronti a cogliere.

Questo gennaio vi sarà anche l’elezione del Direttivo della Lega Pro Boxe e, nell’anno che dovrebbe portare verso l’acquisizione di ancora maggiore autonomia per poi terminare in una separazione con la F.P.I. nel 2016, si vedrà in che direzione la Lega si muoverà e come porterà avanti i progetti già avviati e a quali nuovi progetti darà vita. Uno di questi nuovi progetti é il Campionato Italiano dei neo-professionisti una “sotto-categoria” (normativamente si tratta a tutti gli effetti di pugili professionisti) che si è voluto creare per avere un maggior numero di pugili dilettanti che scelgano di passare professionisti. Si assisterà quindi alla disputa di eventi di neo-professionisti e, anche, di incontri validi per i titoli nazionali di questa sottocategoria.

Nel mondo dello scacchipugilato ci si aspetta qualcosa di nuovo dopo gli sviluppi avutosi nel 2014 quando la WCBO si è strutturata come una vera e propria federazione sportiva mondiale e ha organizzato, a Berlino, la prima Assemblea Generale della sua storia. Ci si aspetta una crescita di eventi professionistici organizzati dalla CBG e potrebbe essere l’anno dell’organizzazione dei Campionati Mondiali WCBO con formula a torneo.

A livello italiano si guarda su due fronti: quello interno a quello internazionale. Per quello interno ci si aspetta che vi siano la disputa di eventi di chessboxing, particolarmente a Milano. Dopo l’esordio di eventi di scacchipugilato in Italia nel 2014, l’organizzazione di ulteriori manifestazioni nel 2015 darebbe occasione ai nostri atleti di essere agonisticamente attivi e, per il pubblico di casa, sarebbe un’ulteriore occasione di poter vedere dal vivo lo scacchipugilato che, oltre ad essere un avvenimento sportivo, é sempre un evento di spettacolo. Ci si attende la disputa di titoli nazionali sia maschili sia anche femminile.

Sul fronte internazionale ci si attende che i nostri continuino a essere presenti agli eventi europei: la FISP è riuscita a far molto bene in questo senso nei due anni passati e sempre più atleti italiani gareggiano nei poli mondiali dello scacchipugilato come Londra, Mosca e Berlino. La serietà e professionalità mostrata dalla federazione e dagli atleti dovrebbe essere di buon auspicio per un ritorno dei chessboxer FISP sui palcoscenici europei e si punta a far debuttare internazionalmente altri atleti che si stanno distinguendo in allenamento. Qualcosa già bolle in pentola e la dirigenza FISP si sta muovendo per poter far disputare ai nostri giovani degli incontri di prestigio.

A livello organizzativo e promozionale la FISP questo anno organizza i corsi di Tecnico e quelli di Arbitro-Giudice oltre a dare in dotazione a palestre interessate all’introduzione dello scacchipugilato del materiale per l’insegnamento degli scacchi. Anche per la FISP vi sarà anche l’elezione del nuovo Consiglio Direttivo e nuove iniziative potrebbero essere intraprese dalla nuova dirigenza.

Gianluca Sirci, con la vittoria a Berlino, si è qualificato per affrontare il Campione del Mondo dei pesi massimi Nikolay Sazhin. Questa sarà una rivincita della finale del novembre 2013 e un’opportunità per il nostro portacolori di avere i riflettori su di se una volta in più.

Sergio Leveque, dopo aver conquistato il titolo continentale dei pesi massimi vuole arrivare a quello mondiale. Il nuovo campionato della WCBO gli darebbe l’opportunità di arrivare all’agognato titolo oppure altre opportunità potrebbero aprirsi per lui anche in altro modo: con la classica sfida al campione.

Nel rugby a XIII la grande novità del 2015 è la ristrutturazione dei tre campionati principali: Super League, Championship e League 1 e l’aggiunta dei Coventry Bears alle squadre semiprofessionistiche che giocano nella terza serie. Le prime due serie vengono ridotte a 12 squadre ciascuna (2 in meno del passato) e la terza passa da 9 a 14 squadre. I primi due campionati saranno poi destrutturati in tre gruppi da 8 squadre con le prime 8 della Super League che continuano la lotta scudetto (la finale il 10 ottobre), le squadre piazzate dal 9 al 12 posto della Super League, con l’aggiunta delle prime 4 del Championship che si disputano i 4 posti rimanenti per la Super League della stagione successiva, e le rimanenti 8 della Championship che si disputano il trofeo e cercano di evitare le due retrocessioni alla League 1.

Anche la Challenge Cup di rugby a XIII, la coppa più antica al mondo di questa versione del rugby, cambia leggermente struttura: le prime 8 squadre della Super League entrano la competizione solamente al 6 turno (mentre la altre quattro entrano al 5). Anche lo sponsor di questa competizione cambia con Ladbrokes che sostituisce Tetley’s. La finale verrà giocata il 29 agosto a Wembley. A livello internazionale l’Italia è in corsa per vincere il Campionato Europeo B ma, dopo la batosta con la Serbia lo scorso settembre, l’impresa pare difficile con la trasferta in Russia che potrebbe essere molto difficoltosa e poi il ritorno con la Serbia stessa.

Questo 2015 promette di essere un anno di grandi eventi sportivi, dalla Coppa del Mondo di scacchi a quella di Rugby a XV, dall’unificazione del titolo dei pesi massimi di pugilato alla potenziale sfida Pacquiao vs Mayweather, dal nuovo formato dei campionati britannici/europei di rugby a XIII ad eventi agonistici di scacchipugilato che verranno svolti in Italia.

 

Articoli di presentazione d’inizio anno degli anni scorsi:

Che cosa ci aspetta nel 2014.

Che cosa ci aspetta nel 2013.


Hit Counter provided by Los Angeles SEO Company