topBanner

Fabio Bruno vince la semifinale, a pari punti Axel Rombardoni. Gli altri tre qualificati alla finale.

A Civitanova Marche, una rapida patta in prima scacchiera tra Andrea Stella e Fabio Bruno che garantiva a entrambi i giocatori l’accesso in finale. Per il Bruno equivaleva anche terminare al primo posto (magari ex equo) questa semifinale con 7 punti su 9.

Poi grande battaglia sulle rimanenti sette scacchiere per vincere la partita e la qualificazione alla Finale dei Campionati Italiani Assoluti di scacchi. Si qualificano per la finale, oltre a Fabio Bruno, Axel Rombaldoni, Andrea Stella, Andrea Cocchi e Simone de Filomeno, l’unico a 6 punti che risulta primo, di un gruppetto di cinque a 6 punti, per spareggio tecnico (Buckholtz-1).

 

Segue una piccola cronaca di alcune delle partite:

in 2ª scacchiera Axel RombaldoniSimone de Filomeno (appena terminata): dopo la fase d’apertura il bianco gioca sul pedone arretrato nero in d6; dopo lo scambio di alcuni pezzi, alla 22ª mossa il nero riesce a spingere in d5 e vengono scambiate anche le due torri. Si gioca col bianco che ha regina e alfiere contro la regina e cavallo nero con sei pedoni per parte. Il bianco ne ha tre contro due (neri) sul lato di donna e ve ne sono 4 neri (contro tre bianchi) sul lato di re. Il bianco ha l’alfiere in fianchetto che tiene sotto tiro il pedone b7 che vincola la donna nera alla difesa. Il bianco centralizza la propria donna e il nero comincia a prendere spazio al centro e sul lato di re mentre Rombaldoni incomincia un attacco di maggioranza sul lato di donna. Can la mossa 33) … Df4, anche il nero si rende pericoloso in attacco, cercando di contrastare l’avanzata pedonale bianca a ovest con un attacco diretto sul monarca bianco. L’attacco nero era presto rintuzzato e seguiva una lunga fase manovrata (soprattutto con la regina bianca) e lo scambio di alcuni pedoni lasciandone due per parte. Poi si forzava anche il cambio dell’ultimo pezzo leggero col bianco che già aveva portato il proprio pedone sino a c6. Il nero guadagnava anche un pedone (il bianco lasciava al suo destino il pedone f3 per portare il proprio re nell’8ª traversa) ma il pedone bianco era troppo avanzato e, una volta portato il re bianco al sicuro da scacchi neri, la promozione non era più evitabile e il nero abbandonava alla 90ª mossa. Rombaldoni raggiungeva Bruno a 7 punti, anche se alla fine aveva un punteggio di spareggio tecnico inferiore.

in 3ª scacchiera Nicola AltiniDaniele Genocchio: quest’ultimo sacrifica una qualità in f3 per rompere l’arrocco bianco, qualità che viene recuperata qualche mossa dopo. Dopo una serie di cambi, si entra in un complicato finale di torre cavallo e pedoni, in cui il bianco sembra optare per una ripetizione di mosse ma é il nero che prima della terza ripetizione cambia di mossa. Il bianco guadagna quindi un pedone, e poi il nero lascia un cavallo in presa per andare però a prendersi i tre rimanenti pedoni bianchi. E, una volta che il bianco cattura l’ultimo pedone nero si entra in un finale di torre e cavallo (bianco) contro torre (nero), teoricamente patto ma che i due giocatori giocano per alcune mosse sinché il bianco propone di terminare con un pareggio l’inutile ricerca del punto intero.

In quarta scacchiera, Cocchi col nero, batte Bonafede. Cocchi va via via guadagnando pedoni, prima uno, poi due e infine tre. Il nero si consolida e al bianco non rimane alcun controgioco.

CodenottiSibilio termina patta in un finale che dopo il cambio delle torri, é di alfieri contrari, con due pedoni bianchi e tre neri. Termina patta con Sibilio che nemmeno ci prova a crearsi il pedone h passato, dal momento che ha l’alfiere campo nero che rende ancor più agevole la difesa del bianco.

Da guardare la partita di Contin, che offre un pedone e un pezzo leggero per impedire al bianco di arroccare.

Risultati IX e ultimo turno:
Sc. Bianco Punti Nero Punti IDW-IDB Risultato
1 IM STELLA Andrea (6.0) IM BRUNO Fabio (6.5) 3-4 ½ – ½
2 IM ROMBALDONI Axel (6.0) FM DE FILOMENO Simone (6.0) 1-6 1 – 0
3 FM ALTINI Nicola (5.5) IM GENOCCHIO Daniele (5.5) 11-5 ½ – ½
4 FM BONAFEDE Alessandro (5.5) FM COCCHI Andrea (5.5) 7-17 0 – 1
5 IM CODENOTTI Marco (5.5) FM SIBILIO Mario (5.0) 8-16 ½ – ½
6 FM RAMBALDI Francesco (5.0) FM XIA Jie (5.0) 12-19 1 – 0
7 FM BOVE Alessandro (4.5) FM ESPOSITO Luca (4.5) 9-21 1 – 0
8 M PESCATORE Lorenzo (4.5) FM BOSCOLO Federico (4.5) 25-10 ½ – ½
9 FM SCALCIONE Michelange (4.5) M LA MANNA Andrea (4.5) 13-29 ½ – ½
10 CM DAPPIANO Andrea (4.5) IM CONTIN Daniel (4.5) 30-14 ½ – ½
11 FM BENTIVEGNA Francesco (4.5) M PARRELLA Alfredo (4.5) 18-45 ½ – ½
12 M MORONI Luca jr (4.5) IM VEZZOSI Paolo (4.5) 26-20 ½ – ½
13 M DISTASO Antonio (4.0) IM ROMBALDONI Denis (4.0) 34-2 0 – 1
14 M BIANCO Valerio (4.0) FM SBARRA Marco (4.0) 32-22 0 – 1
15 M BASSO Pier Luigi (4.0) M RETTORE Ludwig (4.0) 24-39 0F-1F
16 CM FAGNANI Alessandro (4.0) M SANTAGATI Alessandro (4.0) 48-28 1 – 0
17 M SELLITTI Federico (3.5) CM BORASO Alessio (3.5) 27-36 1 – 0

 

Classifica finale:
Pos Punti ID Titolo Nome P. Elo Perf. Fed Buc1 BucT ARO
1 7.0 4 IM BRUNO Fabio 2421 2555 MC 44.5 48.5 2335.0
2 7.0 1 IM ROMBALDONI Axel 2494 2488 PU 42.5 46.0 2267.9
3 6.5 3 IM STELLA Andrea 2447 2488 CR 45.5 50.0 2321.7
4 6.5 17 FM COCCHI Andrea 2302 2404 BO 40.0 43.0 2237.7
5 6.0 6 FM DE FILOMENO Simone 2385 2460 PO 45.0 49.0 2335.3
6 6.0 11 FM ALTINI Nicola 2347 2442 BA 44.5 49.0 2316.6
7 6.0 8 IM CODENOTTI Marco 2370 2400 PI 43.0 46.5 2275.1
8 6.0 5 IM GENOCCHIO Daniele 2413 2388 TV 41.5 44.5 2263.1
9 6.0 12 FM RAMBALDI Francesco 2347 2326 MI 39.0 42.0 2200.9
10 5.5 16 FM SIBILIO Mario 2306 2424 RM 45.0 48.0 2343.8
11 5.5 9 FM BOVE Alessandro 2365 2394 RM 44.5 48.5 2313.7
12 5.5 7 FM BONAFEDE Alessandro 2380 2313 TV 40.5 44.5 2233.4
13 5.0 2 IM ROMBALDONI Denis 2484 2306 PU 43.0 47.0 2263.4
14 5.0 29 M LA MANNA Andrea 2192 2291 TN 42.5 46.5 2247.7
15 5.0 45 M PARRELLA Alfredo 2072 2322 BN 41.5 44.5 2278.7
16 5.0 10 FM BOSCOLO Federico 2349 2314 VE 41.5 44.5 2270.7
17 5.0 14 IM CONTIN Daniel 2330 2284 VA 41.5 44.5 2241.0
18 5.0 26 M MORONI Luca jr 2211 2289 MI 41.5 43.0 2245.9
19 5.0 13 FM SCALCIONE Michelange 2342 2276 BO 41.0 44.0 2232.9
20 5.0 18 FM BENTIVEGNA Francesco 2293 2285 EN 40.0 44.0 2242.1
21 5.0 19 FM XIA Jie 2287 2248 TV 40.0 43.0 2204.6
22 5.0 20 IM VEZZOSI Paolo 2281 2218 PR 39.5 42.5 2175.3
23 5.0 25 M PESCATORE Lorenzo 2230 2251 PE 39.5 41.0 2208.0
24 5.0 22 FM SBARRA Marco 2260 2254 SV 38.5 41.5 2211.3
25 5.0 30 CM DAPPIANO Andrea 2149 2234 TN 38.5 41.5 2191.4
26 5.0 39 M RETTORE Ludwig 2111 2194 MI 38.5 40.0 2194.4
27 5.0 48 CM FAGNANI Alessandro 2039 2216 BO 35.0 38.0 2172.8
28 4.5 21 FM ESPOSITO Luca 2277 2287 NA 44.5 48.5 2287.0
29 4.5 15 IM LANZANI Mario 2308 2321 MI 43.0 46.5 2278.3

 

 

Sito ufficiale dei Campionati d’Italia: www.scacchirandagi.com//Campionatitalia2013/Campionati2013.htm

 

Precedenti articoli su questi Campionati:

Fabio Bruno solitario al comando. Lotta per la qualificazione alla finale e ai cinque titoli di categoria.

Campionati Italiani di Categoria: un uomo in fuga in ogni categoria; oggi già potrebbero assegnarsi dei titoli.

Semifinale: Bruno recupera e si forma un quartetto in testa. Fuori gioco Denis Rombaldoni.

Lotta serrata per i posti della finale. De Filomeno riprende la testa.

Due nuovi capoclassifica: Stella batte Bove e lo scavalca. Lo raggiunge in vetta Altini.

Semifinale: Alessandro Bove rimane solo in testa a punteggio pieno.

Fabio Bruno e Alessandro Bove conducono nella semifinale; domani lo scontro diretto.

Semifinale: sei giocatori a punteggio pieno dopo due turni. Lotta aperta anche nei 5 Campionati di categoria.

Sorpresa alla semifinale: Andrea La Manna batte A. Rombaldoni. E diverse mezze sorprese.

Venticinque titolati internazionale si contendono l’accesso al CIA. Cinque titoli italiani in palio.

Lascia un commento


Hit Counter provided by Los Angeles SEO Company