topBanner

Le nazionali argentina e italiana ricevute da Papa Francesco. Fotografie.

Poco dopo mezzogiorno di oggi, venerdì 2 novembre 2013, alla vigilia del Cariparma Test Match di domani allo Stadio Olimpico, le Nazionali di Italia ed Argentina hanno atteso all’udienza privata con Sua Santità Papa Francesco. Era presente anche il Presidente della FIR, Alfredo Gavazzi, che ha donato al Papa un cap, il berretto per i giocatori, ed ora anche giocatrici, che hanno rappresentato la nazionale maggiore. Le fotografie sono di Fotosportit/FIR.

Di seguito il discorso pronunciato da Sua Santità in occasione dell’udienza odierna:

“Cari amici,

 vedo con piacere che tra Italia e Argentina ci sono diversi incontri sportivi! Questo è buon segno, segno anche di una grande tradizione che continua tra queste due Nazioni.

Vi ringrazio di essere venuti a salutarmi, con l’aiuto del Signor Ambasciatore, e anche dell’iniziativa caritativa che avete preso.

Il rugby è uno sport molto simpatico, e vi dico perché lo vedo così: perché è uno sport duro, c’è molto scontro fisico, ma non c’è violenza, c’è grande lealtà, grande rispetto. Giocare a rugby è faticoso, non è una passeggiata! E questo penso che sia utile anche a temprare il carattere, la forza di volontà.

Un altro aspetto che risalta è l’equilibrio tra il gruppo e l’individuo. Ci sono le famose “mischie”, che a volte fanno impressione! Le due squadre si affrontano, due gruppi compatti, che spingono insieme uno contro l’altro e si bilanciano. E poi ci sono le azioni individuali, le corse agili verso la “meta”. Ecco, nel rugby si corre verso la “meta”! Questa parola così bella, così importante, ci fa pensare alla vita, perché tutta la nostra vita tende a una meta; e questa ricerca è faticosa, richiede lotta, impegno, ma l’importante è non correre da soli! Per arrivare bisogna correre insieme, e la palla viene passata di mano in mano, e si avanza insieme, finché si arriva alla meta. E allora si festeggia!

Forse questa mia interpretazione non è molto tecnica, ma è il modo in cui un vescovo vede il rugby! E come vescovo vi auguro di mettere in pratica tutto questo anche fuori dal campo, nella vostra vita.

Ma anche voi pregate per me, perché anch’io, con i miei collaboratori, facciamo una buona squadra!

        Grazie, e che domani sia una bella partita!”

 

Lascia un commento


Hit Counter provided by Los Angeles SEO Company