topBanner

Matteo Modugno rimane Campione Italiano ora guarda ai titoli internazionali.

A Sequals il Campione Italiano dei pesi massimi Matteo Modugno  ha difeso il proprio titolo battendolo sfidante Gianluca Mandras che é stato squalificato alla sesta ripresa. Questa XXIX edizione del Trofeo Carnera includeva anche un altro incontro titolato valido per il Campionato Italiano Femminile dei pesi gallo (vacante) tra Milena Tronto e Elga Comastri.trofeoCarnera2014

Nel sotto clou la Tronto ha conquistato il titolo battendo ai punti alla 10° round la sfidante la Comastri.

Per quanto riguarda l’incontro principale, Mandras era già stato designato lo sfidante di Modugno due anni fa, ma aveva declinato. Da allora, il pugile umbro non aveva più combattuto, sino al febbraio di quest’anno. Per questa inattività, ma anche per i pochi combattimenti effettuati in carriera, e per il fatto di non aver mai disputato un combattimento oltre i sei round, Mandras non era il favorito per questa finale al titolo. Comunque, anche per l’emiliano Modugno, é difficile combattere: in Italia non vi sono molti pesi massimi tra i professionisti e gli stranieri che si possono invitare con le magre borse del professionismo italiano non sono di alta qualità; l’alternativa per fare combattimenti sarebbe quella di viaggiare all’estero, cosa che non é appetibile a tutti.

Ieri sera a Sequals si é visto un combattimento interessante da seguire. Modugno ha iniziato attaccando e presto colpiva Mandras all’occhio sinistro che si gonfiava. Mandras ha portato anche lui qualche colpo ma é andato a spegnendosi di ripresa in ripresa. Nella terza, Mandras viene richiamato ufficialmente per alcune trattenute. Nel quinto tempo riceve un secondo richiamo ufficiale; é difficile rimanere sul ring con un avversario come Modugno, alto appena sotto ai due metri, di 120 chili e con un gran allungo riesce a portare combinazioni di vari colpi. Nel sesto round Mandras veniva ancora ammonito dall’arbitro per i vari tentativi, riusciti e non riusciti, di legare Modugno finché, Mandras non veniva richiamato ancora una volta, e il terzo richiamo ufficiale ammonta a squalifica.

Modugno continua così a detenere il titolo italiano, a 27 anni dovrebbe tentare di vincere un titolo internazionale o europeo. Nelle classifiche dell’EBU, Modugno, prima di questa vittoria, era classificato al 16º posto a livello europeo e al 10º per quanto riguarda l’Unione Europea. Modugno potrebbe iniziare da qui: tentando di vincere il titolo UE e, difatti, proprio alcuni giorni fa c’é stata la notizia che é lui lo sfidante ufficiale al campione dell’Unione Europea Erkan Teper pugile ancora imbattuto di origini turche ma residente in Germania.

Frutto di ricerche ed idee di SPQeR, facciamo una lista di alcune alternative internazionali che ci paiono possibili per Modugno nel prossimo futuro:

1) sfidare il turco Agit Kabayel (titolo Mediterraneo WBC),

2) il titolo Continentale WBA dei pesi massimi é vacante,

3) affrontare l’italo-tedesco Francesco Pianeta per il titolo continentale europeo della WBO,

4) anche il titolo Intercontinentale IBF é vacante, Modugno per esempio potrebbe accordarsi con Sam Sexton (per menzionare uno dei 15 nomi in lista IBF intercontinentale) e sfidarsi per il titolo,

5) guardando i titoli dell’IBO (organizzazione non riconosciuta dalla FPI ma sotto il cui patronato si potrebbe combattere all’estero; e che potrebbe in futuro essere comunque riconosciuta dalla Lega Pro Boxe) il titolo Intercontinentale é vacante, come pure quello internazionale o del mediterraneo.

Queste sono delle possibilità per poter fare degli incontri internazionali con titolo in palio che darebbero esperienza e lustro a Modugno sulla via della sua crescita come atleta prossimo alla maturità psicofica.

 

 

Lascia un commento


Hit Counter provided by Los Angeles SEO Company