topBanner

Solo le azzurre regalano una gioia in un weekend di sconfitte italiane nel rugby.

Grazie alle azzurre di Andrea Di Giandomenico, questo finesettimana rugbistico, di 6 Nazioni e Pro 12, non si conclude con una cinquina di sconfitte. Le azzurre, che nello scorso 6 Nazioni femminile terminarono con tre vittorie, riescono a vincere la prima partita dell’edizione in corso, battendo la Scozia con un sonoro 22 a 7. E questa vittoria, vale anche come qualificazione alla Coppa del Mondo 2017 di rugby femminile che si giocherà in Irlanda. L’Italia femminile è quindi qualificata per i prossimi mondiali.

28 Febbraio 2016 - 6 Nazioni femminile: Italia-Scozia a Bologna, Stadio Pier Paolo Bonori. Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

28 Febbraio 2016 – 6 Nazioni femminile: Italia-Scozia a Bologna, Stadio Pier Paolo Bonori. Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

 

Un finesettimana iniziato male, venerdì sera, con la sconfitta dell’Italia Under 20, opposta ai pari categoria scozzesi, per 14-24, con l’Italia che è ora ultima in classifica a zero punti quando le altre nazionali hanno per lo meno una vittoria. Ma almeno qui si può pensare che si sta costruendo il futuro, soprattutto schierando una squadra tanto giovane, con gran parte dei giocatori che anche l’anno prossimo sarebbero dell’età di giocare nell’Under 20.

Poi sabato la sconfitta della nazionale maggiore a Roma, contro la Scozia, ne terzo turno del 6 Nazioni 2016 per 20 a 36; una partita in cui l”Italia segnava prestissimo, con un calcio piazzato frutto della pressione messa nella prima palla d’attacco avuta, ma che poi si faceva subito superare con una meta alla ripresa del gioco e che continuerà da lì in avanti ad inseguire, vedendo il punteggio dilatarsi nel secondo tempo. Si tratta della 17ª edizione di questo torneo da quando vi ha fatto l’ingresso l’Italia: sinora si contano tante delusioni e poche gioie; non ci rimane che sperare di esultare per i risultati ancora da venire, e speriamo presto.

Vola il seconda linea Bortolami.

Vola il seconda linea Bortolami.

In questa domenica pomeriggio, perdeva anche la Benetton Treviso che, opposta al Munster Rugby in Veneto, riusciva ad essere in vantaggio, o per lo meno in pareggio, per la gran parte della partita, ma che poi veniva superata di tre punti verso la fine con una partita che terminava per 13 a 16. Sebbene la sconfitta valga ai trevigiani l’ottavo punto bonus difensivo, questa è stata un’occasione mancata per vincere la terza partita consecutiva, cosa che avrebbe dato, probabilmente, molto morale ai ragazzi.

E perdeva, anche molto più sonoramente, la seconda squadra italiana in Pro 12, il Zebre Rugby, anch’essa giocando in casa. La vittoria andava al Leinster Rugby che riusciva anche a realizzare il punto del bonus mete, segnandone quattro, e terminando la partita per 10 a 27.

Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Poco prima che iniziasse la partita del Benetton Treviso, a Bologna era la Nazionale Italiana Femminile ad entrare in campo. Al 16º la Bettoni riesce a sfondare la difesa scozzese e a oltrepassare la linea di meta. Dieci minuti più tardi le padrone di casa concedono il bis con Cucchiella, brava ad andare in meta dopo un’azione caparbia dell’Italia. Al 31’ Maxwell rimedia un cartellino giallo che porta al calcio piazzato realizzato dalla Schiavon che fissa il risultato del primo tempo sul 15 a 0.

Nella ripresa le azzurre trovano la terza meta al 44º, realizzandola con la Furlan che concretizza al meglio una bella azione corale del XV di casa. La Scozia prova a reagire e lo fa al 52’ con Thompson che intercetta l’ovale poco dopo la propria metà campo per poi involarsi in solitaria fino ai pali per il momentaneo 22 a 7 grazie alla trasformazione di Skeldon. L’Italia si difende bene e amministra il risultato fino al termine dell’incontro nonostante l’ingresso in campo di tutte le atlete azzurre in panchina.

Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Lo scorso anno le azzurre incominciarono la campagna del 6 Nazioni femminile con due sconfitte e poi terminarono vincendo le restanti tre partite.

Nelle rimanenti partite del 6 Nazioni maschile di questo finesettimana il Galles, venerdì sera, ha battuto la Francia per 19 a 10, in una partita in cui i francesi non sono riusciti a concretizzare il bel gioco fatto vedere in campo mentre, nell’ultima partita gli inglesi davanti al loro pubblico hanno sconfitto l’Irlanda, vincitrice delle scorse due edizioni del 6 Nazioni, per 21 a 10. In classifica l’Inghilterra conduce per con tre vittorie, seguita a un punto dal Galles, un punto piü indietro, a 4, la Francia, 2 punti per la Scozia, 1 per l’Irlanda e chiude l’Italia con zero.

italdonne 2

Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Tabellino della vittoria italiana:

Bologna, Stadio Bonori dell’Arcoveggio – domenica 28 febbraio

6 Nazioni Femminile, III giornata

Italia – Scozia 22 a 7 (15 a 0)

Marcatori: p.t. 16’ m. Bettoni (5-0); 26’ m. Cucchiella tr. Schiavon (12-0); 31’ c.p. Schiavon (15-0);s.t. 44’ m. Furlan tr. Schiavon (22-0); m. 52’ Thompson tr. Skeldon (22-7).

Italia: Furlan; Magatti (78’ Folli), Cioffi (78’ Madia), Rigoni (78’ Zangirolami), Stefan; Schiavon, Barattin (cap); Giordano, Locatelli, Este (50’ Ruzza); Trevisan, Pillotti (72’ Arrighetti); Bettoni Cammarano (41’ Gai) (78’ Nicoletti), Cucchiella (78’ Giacomoli).

All. Di Giandomenico.

Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Si festeggia dopo la terza meta delle azzurre. Foto di Max Pratelli / SPORTSFILE.

Scozia: Rollie; Sinclair (46’ Law), Gaffney (67’ Evans), Thompson, Looyd; Martin (cap), Maxwell; Konkel, Dunbar, Forsyth (62’ Stodter); McCormack (62’ Sim), Wassell; Smith, Skeldon (67’ Quick), Balmer (46’ Lockhart) (75’ Falconer).

A disposizione non entrata: Bain.

All. Munro

Arb. Marie Lematte (FFR)

Cartellini: 31’ giallo a Maxwell (Scozia).

Calciatori: Schiavon 3/4 (Italia), Skeldon 1/1 (Scozia).

Note: campo pesante. Circa 2.500 spettatori.

 

Lascia un commento


Hit Counter provided by Los Angeles SEO Company