topBanner

L’Italia sconfitta dall’Irlanda e fuori dai quarti. Superlativo Favaro.

“Volevamo essere attori del match, lo siamo stati per lunghi tratti. È stata una buona prova, in particolare sono soddisfatto dell’approccio della squadra alla partita. Resta il fatto che abbiamo perso e che non possiamo qualificarci ai quarti di finale, ma abbiamo ancora una partita importante contro la Romania: ho fiducia che la squadra scenda in campo con lo stesso spirito di oggi e si possa chiudere il Mondiale con una prova di qualità” queste le parole del Commissario Tecnico Jacques Brunel nel post-partita di Italia-Irlanda.

L’Italia del rugby a XV non si qualifica ai quarti di finale del Mondiale e ora l’obiettivo diventa quello di battere la Romania per arrivare terzi nel girone e qualificarsi per il prossimo mondiale senza rischiare le qualificazioni. Gli azzurri, nonostante la miglior prestazione sin qui dimostrata al mondiale, in coincidenza con il ritorno in campo del capitano Parisse, ancora convalescente per l’operazione alla gamba, vengono sconfitti per 9 a 16 dall’Irlanda.

Sin dalle prime battute gli Azzurri si mostrano combattivi in campo e, dopo il vantaggio di Sexton, centrano subito il pareggio con Allan pochi minuti più tardi. Al 20’ Earls riesce a bucare la difesa italiana per l’unica meta del match, ma l’Italia non demorde e con due calci piazzati del solito Allan riesce a portarsi sul 10-9, ma con alcuni errori nelle touche, che hanno inciso sul risultato finale, non riesce a concretizzare alcune azioni offensive. Nel momento migliore degli Azzurri gli irlandesi rispondono con altrettanti due calci piazzati del numero 10 Sexton. Il cartellino giallo rimediato da O’Mahony al 72’ non riesce a smuovere il risultato che resta sul 16-9.

L’Italia riesce ugualmente a smuovere la classifica conquistando 1 punto, per il bonus difensivo e salendo a quota 5 punti nel girone D. Domenica 11 ottobre ad Exeter, alle 14,30 locali (15,30 in Italia), ultima gara contro la Romania: in palio la qualificazione a Giappone 2019.

“L’Irlanda non ha preso rischi, ha sfruttato il suo gioco tattico, è stata molto conservativa. Sono contento di come ha reagito il mio polpaccio – ha dichiarato il capitano Sergio Parisse – anche se non sono riuscito a coprire il campo come avrei voluto“.

Sergio da dato un grande contributo alla squadra – ha aggiunto Brunel – ed abbiamo dimostrato di non essere quelli visto contro Francia e Canada. Per il bilancio di questo mondiale è ancora presto, lo faremo dopo la partita contro la Romania”. “La meta mancata di poco da Furno nella ripresa avrebbe potuto cambiare la partita, così come un paio di possesso persi su nostro lancio in touche. Ma sarebbe riduttivo dare la colpa ai lanci, dovremo analizzare cosa non ha funzionato” ha detto Parisse, affermando poi che “ci sono ragazzi come Gori e Favaro che stanno acquisendo leadership all’interno del gruppo“.

Londra, Stadio Olimpico – domenica 4 ottobre 2015, ore 16,45 (17,45 in Italia) 

Coppa del Mondo di rugby – Girone D, III giornata

Irlanda v Italia 16 a 9.

Marcatori: p.t. 9’ c.p. Sexton (3-0); 15’ c.p. Allan (3-3); 20’ m. Earls tr. Sexton (10-3); 24’ c.p. Allan (10-6); s.t. 52’ c.p. Allan (10-9), 58’ c.p. Sexton (13-9), 61’ c.p. Sexton (16-9)

Irlanda: Zebo; Bowe, Earls (76’ Fitzgerald), Henshaw, Kearney; Sexton, Murray; Heaslip, O’Brien (67’ Henry), O’Mahony; O’Connell (cap), Henderson (67’ Toner); Ross (58’ White), Best R. (69’ Cronin), McGrath (58’ Healy)

Non entrati: Reddan, Madigan.

all. Schmidt.

Italia: McLean; Sarto, Campagnaro, Garcia (3’ Benvenuti), Venditti; Allan (64’ Canna) , Gori (76’ Palazzani); Parisse (cap) (64’ Zanni), Favaro (67’ Bergamasco), Minto; Furno, Geldenhuys; Cittadini (61’ Chistolini), Manici (41’ Giazzon), Aguero (61’-72’ Rizzo).

all. Brunel

arb. Garces

Note: Campo in buone condizioni

Calciatori: Sexton (Irlanda) 4/6, Allan (Italia) 3/3, Canna (Italia) 0/1.

Cartellini: 72’ cartellino giallo a O’Mahony (Irlanda).

Calcio di inizio affidato all’Italia che, nelle prime battute, prova a guadagnare metri tenacemente mantenendo il possesso dell’ovale.

9’- L’Irlanda apre un varco con Sexton che subisce fallo. Il gioco continua, l’Italia regge bene l’urto con 5 placcaggi ma il vantaggio irlandese non si concretizza. Il n.10 opta per il calcio piazzato che viene realizzato per il parziale di 3-0.

15’- Gli Azzurri non si perdono d’animo e attaccano, mettendo pressione agli avversari. Gli sforzi del XV di Brunel vengono premiati con un calcio piazzato che Allan trasforma senza problemi, centrando il pareggio.

20’- Su una touche in favore dell’Italia, l’Irlanda ruba l’ovale e attacca a testa bassa riuscendo a penetrare nella difesa azzurra con Earls che deposita il pallone oltre la linea di meta. Per Sexton è facile realizzare e allungare sul 10-3.

24’- In questa fase gli Azzurri mostrano grande tenacia in campo e riescono a chiudere gli avversari nella propria metà campo. Dopo la continua pressione arriva un calcio piazzato che Allan trasforma nuovamente e accorcia le distanze sul 10-6.

31’- Occasione ghiotta per allungare il divario dagli avversari che Sexton non concretizza. Il numero 10 irlandese si presenta sul dischetto del calcio piazzato ma da circa 40 metri centra in pieno il palo e l’ovale viene recuperato dall’Italia.

38’- Gli Irlandesi premono sull’acceleratore, ma gli Azzurri con una gran difesa riescono a reggere la pressione e nel miglior momento degli avversari riescono a strappare il possesso.

49’- L’Italia gioca bene e riesce a mettere paura agli avversari. Una grande azione corale porta Furno ad un passo dalla meta, ma il numero 5 italiano deposita la palla oltre la linea di meta avversaria dopo aver messo il piede fuori dal campo. L’Irlanda respira guadagnando una touche.

52’- Le lancette dell’orologio compiono soltanto pochi giri e il XV di Brunel accorcia ulteriormente le distanze. Altro calcio piazzato messo a segno da Allan che mette a segno il tris personale e porta i suoi sul parziale di 10-9.

58’- Nel momento migliore dell’Italia, la squadra allenata da Schmidt riesce a rialzarsi. Non vedendo concretizzato il vantaggio, Sexton decide di aggiornare il suo score realizzativo con un calcio piazzato che muove il risultato sul 13-9.

61’- Gli irlandesi sfruttano al meglio le occasioni che capitano in seguito ai falli degli Azzurri e, 3 minuti più tardi, si ripete il copione con Sexton che porta i suoi sul 16-9.

67’- La palla per riavvicinare gli avversari nel risultato capita sui piedi di Canna che da circa 50 metri decide di calciare, ma il suo piazzato è troppo corto e l’ovale termina nelle mani della difesa irlandese.

72’- L’Irlanda torna a premere prepotentemente in attacco, ma in seguito al recupero della palla da parte di Gori, il consulto con il TMO evidenzia una spallata irregolare a Furno da parte di O’Mahony che si guadagna un cartellino giallo.

79’- Nonostante la superiorità numerica, l’Italia guadagna metri in attacco ma non riesce a essere incisiva. Sexton ha sui piedi l’ultimo calcio piazzato del match ma lo sbaglia. Gli Azzurri decidono di giocare subito ma perdono il pallone. Lo stesso numero 10 irlandese chiude il discorso spedendo fuori dal campo l’ultimo possesso irlandese.

 

Lascia un commento