topBanner

Newport Gwent Dragons batte Benetton Treviso 23 a 14.

Poche ore prima della partita della quattordicesima giornata di RaboDirect PRO12 tra Newport-Gwent Dragons e Benetton Treviso il Benetton è costretto a rinunciare ad Enrico Ceccato, influenzato.

Cronaca della partita a cura del Benetton Treviso Rugby:

Niente da fare per il Benetton che, complice anche la serata negativa al piede dell’apertura Steffan Jones, si era illuso al termine dei primi quaranta minuti, per poi subire la rimonta dei padroni di casa, guidati da un sempre più decisivo Prydie.

Parte alla grande la formazione ospite, con il giocatore più atteso, il centro sudafricano Doppies La Grange, che realizza la prima marcatura con la nuova maglia dopo l’infortunio subito alla prima uscita estiva contro i London Wasps.

La replica è affidata al piede, con la strana decisione di Steffan Jones di andare per i pali, al posto di Prydie, miglior marcatore del RaboDirect PRO12.

Il suo tentativo dalla distanza, tuttavia, termina corto e si rimane sullo 0-7.

Al 23’ la prima brutta notizia per i Leoni. Robert Barbieri, in formazione ma non al massimo della condizione, non ce la fa e lascia il campo per il permit player Filippo Giusti.

Per il flanker del Petrarca Padova è un’occasione d’oro che viene immediatamente sfruttata realizzando la seconda meta della serata.

Pochi minuti più tardi, Alberto Di Bernardo fallisce un calcio piazzato, ma il punteggio resta 0-14 in favore del XV della Marca.

Per i Dragons appare sempre più chiaro che il calciatore designato è il numero 10 Jones, che al 30’ accorcia le distanze, ma subito dopo fallisce nuovamente dalla piazzola in un paio di occasioni.

Darren Edwards decide allora di cambiare e si affida al piede del top scorer Prydie per portare a – 8 i suoi alla fine della prima frazione di gioco.

La ripresa, tuttavia, si apre nuovamente con Jones incaricato del primo calcio e ancora una volta i biancoverdi vengono graziati dall’apertura gallese, decisamente in giornata no.

Sapendo di doversi fare perdonare, Jones riesce comunque a trovare la via della meta e con la trasformazione di Prydie i Dragons si portano ad un solo punto di distanza.

Di male in peggio per il Benetton, che tre minuti più tardi resta con un uomo in meno per un cartellino giallo comminato a Christian Loamanu.

Steffan Jones mantiene ancora una volta la vena negativa al piede con una media di 1 su 6.

Prydie, invece, si conferma pericolo pubblico numero uno e riesce a varcare nuovamente la linea di meta, portando in vantaggio la squadra di Newport per la prima volta nel match e con la trasformazione dello stesso si entra nei minuti finali sul 20-14.

L’ala gallese si conferma miglior realizzatore della kermesse e bestia nera per gli uomini di Smith, mettendo poi il quarto calcio per il +9.

Alla fine più niente da segnalare, i Dragons si impongono per 23-14.

TABELLINO:

MARCATORI: pt 6’ La Grange meta tr. Di Bernardo; 26’ Giusti meta tr. Di Bernardo; 30’ S. Jones p.; 40’ Prydie p.; st 15’ S. Jones meta tr. Prydie; 29’ Prydie meta tr. Prydie; 32′ Prydie p.
NEWPORT GWENT DRAGONS: D. Evans; Harries, Leach, Dixon, Prydie; S. Jones, J. Evans; I. Jones (st 33′ Groves), Cudd, L. Evans; A. Jones, Nimmo (st 33′ Tyler); Buck (st 33′ N. Williams), Gustafson (st 9’ Parry), Price (st 33′ O. Evans). A disp.: W. Evans, A. Smith, Amos. All. Edwards.
BENETTON TREVISO: B. Williams; Loamanu, La Grange (st 33′ Toniolatti), Morisi (st 4’ Pratichetti), Nitoglia; Di Bernardo (st 27’ Ambrosini), Semenzato; Barbieri (pt 23’ Giusti), Bernabò, Budd; Van Zyl, Fuser; Roux (st 27’ Di Santo), Maistri (st 27’ Sbaraglini), Fernandez-Rouyet (st 27’ Muccignat). A disp.: Sutto. All. F. Smith.
ARBITRO: Wilkinson della Federazione Irlandese.
NOTE: pt 6-14; spettatori: 4200 circa; cartellino giallo a: Loamanu (st 18’); RaboDirect Man of the Match: Pat Leach (Newport Gwent Dragons); calciatori: Newport Gwent Dragons 5/10 (S. Jones 1/6, Prydie 4/4), Benetton Treviso 2/3 (Di Bernardo 2/3); punti in classifica: Newport Gwent Dragons 4, Benetton Treviso 0.

Articolo di presentazione su questo incontro.

 

Lascia un commento